Come muovi le mani?

Se osserviamo la gestualità di chi comunica con noi scopriamo il suo linguaggio non verbale.

Esistono tre modalità di comunicazione primaria:

Obama
Modalità Indicatoria
Gestualità: gesti delle mano indicanti, dito puntato, pugno chiuso, mano tagliente …

Chi utilizza questa modalità:
si esprime in modo deciso, tende a dare istruzioni dettagliate su come agire, modula la voce assumendo un tono accusatorio, utilizza spesso il no. Tende a non ascoltare quello che dice il suo interlocutore ma a imporre il punto di vista.

La sua risorsa è l’assertività.

Si esprime con quantificatori universali: tutto, ogni, qualunque, ogni volta …

Obama

Modalità Logica

Gestualità: dita a cerchio o micro movimenti delle dita.

Chi utilizza questa modalità:
ha una postura è piuttosto rigida ed esprime controllo.

Il suo comportamento è più freddo, analizza le situazioni in modo logico, utilizza il perché sia con se che con gli altri, si esprime per categorie.

La sue risorse sono l’intelletto e l’obiettività.Barack Obama

Modalità Propiziatoria

Gestualità: gesti ampi, aperti, palme rivolte verso l’alto, mani a triangolo.

Chi utilizza questa modalità:
vive le relazioni in modo emozionale e cerca un contatto fisico con il suo interlocutore, tende ad esordire con un si.

Usa termini come: se, solo, proprio, perfino, uso del congiuntivo.

La sue risorse consistono nel saper prendersi cura degli altri e nella capacità di creare empatia con gli interlocutori.

Naturalmente, una gestualità fissa e ripetuta rappresenta il carattere di una persona, altre volte la gestualità è contestuale e congruente al messaggio verbale che si vuole trasmettere.

Ecco un esempio da youtube di modalità tipicamente  indicatoria.

Author: Patrizia

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *